Traduci con GOOGLE

Login

Per accedere ai contenuti riservati del sito GE.SE.FI.

Visite

232624
Oggi:
Ieri
Questa Sett.:
Scorsa Sett.:
Questo Mese:
Scorso Mese:
Tutte:
149
325
149
101055
5248
4252
232624

Tuo IP: 54.166.245.10
2017-10-23 09:40

Chi è online

Abbiamo 4 visitatori e nessun utente online

Cos'è la Bigenitorialità

 

"Essere genitori è un impegnobigenbicuore che si prende nei confronti dei figli e non dell'altro genitore, per cui esso non può e non deve essere influenzato da un'eventuale separazione. Questo principio promuove la pratica dell'affido condiviso come tutela del benessere dei minori a continuare a ricevere cure, educazione ed affetto da entrambi i genitori.

Dopo la Convenzione sui Diritti del Bambino di New York del 20 novembre 1989, si è diffuso sempre di più il concetto che un bambino ha diritto ad avere un rapporto continuativo con entrambi i genitori, anche se i genitori si separano". ( fonte Wikipèdia )

Il principio della BIGENITORIALITÀ ha un valore scientifico necessario ed indispensabile. Prima ancora di considerare l'aspetto ideologico, occorre tenere presente il diritto/necessità del fanciullo a frequentare entrambi i genitori in modo costante ed equilibrato (paritetico) per tutta la crescita, come legittima aspirazione e necessità (nelle attenzioni, cure, affettialt ed ogni altro elemento rivolto al suo benessere). Un bisogno da considerare assodato, anche se inespresso o inesprimibile !

Il rapporto bigenitoriale serve ad una corretta formazione della visione stereoscopica (un dualismo importante, basato sul dinamismo delle interazioni, oltre agli aspetti del maschile - femminile), da costruire e consolidare nel fanciullo, anche nelle situazioni di disgregazione familiare (separazione/divorzio ecc.), escludendo solo alcune eccezionalità, ossia quelle riferite ai casi di effettivo e grave maltrattamento e/o abuso sul minore, da esaminare nelle sedi adeguate e da trattare specificatamente. Purtroppo è certamente difficile appurare la fondatezza delle frequentissime denunce per abusi o violenza, spesso rivelatesi poi infondate o, peggio ancora, motivo di screditamento/denigrazione che determinano ingiuste penalizzazioni per un genitore, a vantaggio dell'altro.

BIGENITORIALITÀ SENZA SE , SENZA MA ... !