Traduci con GOOGLE

Login

Per accedere ai contenuti riservati del sito GE.SE.FI.

Visite

232699
Oggi:
Ieri
Questa Sett.:
Scorsa Sett.:
Questo Mese:
Scorso Mese:
Tutte:
224
325
224
101055
5323
4252
232699

Tuo IP: 54.166.245.10
2017-10-23 09:56

Chi è online

Abbiamo 70 visitatori e nessun utente online

A chi ci rivolgiamo

 

SIAMO APERTI A TUTTI !

Anziani, adulti, adolescenti e bambini, famiglie italiane e straniere, genitori, coppie, chiunque si trovi ad affrontare situazioni critiche.

Conflitto genitoriale

Si, perché LA FAMIGLIA è la nostra prima attenzione, il più importante e diffuso volano di sviluppo economico e sociale di ogni singolo individuo, ma anche un universo complesso, ricco di opportunità comuni, ma anche terreno di conflitti e di problemi, dove non sempre si parla la stessa lingua, o spesso si alzano muri invalicabili, un sistema troppo trascurato e mutevole che non possiamo considerare in base al mondo fantastico e protettivo rappresentato dalla pubblicità. Noi mettiamo al primo posto LA FAMIGLIA, con la consapevolezza che per migliorare la qualità di vita occorre attuare dei cambiamenti da estendere uniformemente a tutto il circostante.

 

Quali targets allora ?

Famiglie tradizionali, ma non solo! Anzi, soprattutto quelle con un solo genitore, famiglie allargate Nel nome dei figlie ricostruite, famiglie miste, famiglie straniere, nuove coppie in fase di ricostruzione, ma anche quelle prive di esperienze e quelle determinate a separarsi. Fare prevenzione per evitare che si compiano degli errori d'inesperienze e mancanza di conoscenza e poi... occorre prendersi cura di quelle realtà, smembrate dai conflitti, ed a farne le spese più disastrose sono i fanciulli, tenuti lontani dai propri affetti, a pagarne anche il prezzo come vittime dell' alienazione genitoriale ( P.A.S. ) o di altre forme di abuso e violenza.

 

Perciò ?

Dobbiamo vigilare e indurre Conflittoil sistema giudiziario ad aggiornarsi uniformemente attraverso sentenze paritetiche ed effettivamente applicate.

Concretamente ci rivolgiamo ai giudici ed al sistema connesso, affinchè controllino e salvaguardino il loro operato con eque disposizioni, mentre il lavoro è rallentato dai processi elefantiaci e/o spesso vanificato dall'inapplicazione delle sentenze. Siamo anche convinti di dover rafforzare la rete di: operatori sociali, enti pubblici e/o privati, case alloggio, case famiglia, cooperative sociali, nonchè tutti quelli che operano nel sociale o che si occupano di "progettazione sociale", "mediazione dei conflitti", ma soprattutto "metterci in rete".

Per operare meglio, tutti.

 

"E quando sarai vicino io coglierò i tuoi occhi
per metterli al posto dei miei,
e tu coglierai i miei occhi
per metterli al posto dei tuoi,
poi io ti guarderò coi tuoi occhi
e tu mi guarderai coi miei."

(da "Invito ad un incontro" di Jacob L. Moreno)

botero famiglia