Home

Traduci con GOOGLE

Chi è online

 7 visitatori online

Ora esatta

Sudoku

Benvenuto in GE.SE.FI. - Associazione Genitori Separati e Figli Onlus
Obiettivi - Criteri - Azioni - Beneficiari


Un' Associazione perchè.

E' essenziale unire le forze per mettere al centro il ruolo della persona nel suo contesto naturale, ossia rendere prioritario lo sviluppo umano in relazione ai sistemi in cui vive, primo fra tutti il sistema famiglia, da difendere, valorizzare e sostenere soprattutto nei periodi di crisi culturale e/o congiunturale. Soltanto uno spirito di solidarietà aperta ad ampio raggio può accomunare e condividere al meglio i singoli progetti di vita.
altL’ Associazione GE.SE.FI. s'impegna.

come "portatore sociale" d'interesse specifico a concentrare ogni attenzione/riferimento sul valore della persona nel suo sistema famigliare, per far emergere tutte le potenzialità di crescita-rafforzamento, per impedire che si frappongano elementi oppositivi e per individuare, nei casi estremi, soluzioni che inducano alla mediazione pacifica.

La sede di Torino è attiva dall'inizio del 2011, ma raccoglie tutta l'esperienza storica delle iniziative di volontari esperti, provenienti da diverse realtà del terzo settore, fondata ed orientata nel sociale per la prevenzione del disagio famigliare in tutte le forme. Nasce dalla volontà comune di aggregare un ampio numero di persone che diventino soggetto attivo e propositivo per aiutare chi si trova in una situazione familiare difficile, sia a livello psicologico, sia sociale, per fare emergere la condizione ancora non riconosciuta dalla vigente legislazione e spesso anche ignorata dall’opinione pubblica.

L'azione identificata è la stessa del "cambiamento", che usa come leva un minimo elemento di riferimento da trasferire a tutti gli altri presenti nello stesso ambito fino al superamento dell'empasse o delle conflittualità venutesi a determinare. Concentra la volontà di unire le forze per catalizzare ed accomunare persone consapevoli della necessità di creare sinergie interattive nel “fare rete” sul territorio nazionale ed oltrefrontiera, in base alle linee guida impostate e secondo criteri fondamentali:

- Informazione e formazione offrono soluzioni di scelta ma soprattutto prospettive utili al miglioramento della propria condizione, nell’ottica di una naturale autonomizzazione esente da meccanismi simbiotici o atteggiamenti patologici.
- La prevenzione del disagio incentrata sui minori e sulla famiglia risulta il cardine essenziale per la valorizzazione umana nel contesto di base.
- Lotta alle difformità e disuguaglianze in ambito famigliare per rafforzare i valori di giustizia.
- Sostegno della bigenitorialità: ogni figlio ha il diritto ad avere entrambi i genitori, ugualmente presenti sia sul piano pratico (accudimento, cura, tempo condiviso), sia sul piano affettivo, relazionale ed educativo.
- Impegno nella conciliazione e mediazione familiare fornita come sostegno disponibile a tutte le coppie in fase separativa per la tutela dei figli ma anche per assetto orientativo corretto nell' applicazione della legge 54/2006 sull'affido condiviso.
- Partecipazione alla formulazione di proposte necessarie all'aggiornamento/approvazione di nuovi disegni di legge .

GE.SE.FI. onlus offre.

sostegno ed ascolto a madri e padri separati, o in fase di separazione, che spesso si trovano in una condizione psicologica segnata dal dolore, dallo sconcerto, dall' incapacità a reagire, ma offre ascolto anche a nonni o parenti, amici, a tutti coloro che si sentono emotivamente coinvolti sul caso. 

Nei casi più articolati mette a disposizione consulenze di esperti per i servizi di consulenza mediativa, psicologica, legale e di gruppo  (ascolto, solidarietà, auto-mutuo-aiuto).

Le iniziative promosse dall’associazione secondo gli scopi sociali si possono così riassumere: 

- Promuovere il benessere individuale e sociale facendo leva su meccanismi comunicativi-informativi.
- Attivare campagne di sensibilizzazione e prevenzione del disagio minorile in ogni contesto, compreso quello istituzionale scolastico.
- Diffondere  attraverso convegni, conferenze e contatti tra gli associati ed il pubblico una cultura sociale che valorizzi le diversità per spegnere i motivi di conflittualità che tormentano sempre più la famiglia ponendo orientamenti educativi rivolti alla solidarietà, all’accoglienza ed al dialogo.
- Promuovere, orientare, realizzare interventi in materia di parità tra i diversi sistemi sociali a livello educativo-formativo ed attraverso forme di lotta alle discriminazioni di genere oltre gli stereotipi famigliari che interagiscono soprattutto nelle fasi difficili della separazione coniugale.
- Creare contesti favorevoli alla conciliazione ed alla mediazione famigliare in cui vengono individuate e rafforzate buone prassi per la definizione di sperimentazioni replicabili.
- Organizzare momenti di confronto interattivo tra le diverse figure professionali, in particolare Assistenti Sociali, Educatori, Psicologi, figure forensi.
- Adottare nella fase di accoglienza un sistema informatizzato di raccolta dati statistici per monitorare i fenomeni di crisi famigliare tale da assumere funzioni di osservatorio ed interfaccia comunicativa con le istituzioni e gli stakeholder.
- Valutare ed evidenziare ogni difformità locale in rapporto al territorio nazionale.
- Accordi territoriali per le politiche di sviluppo delle agevolazioni casa per i più disagiati: housing ed assegnazioni temporanee di aree accoglienza attrezzate per le nuove povertà post-separative.
- Coinvolgimento di partners come sostenitori nazionali di azioni condivisibili e replicabili ovunque.
 

 
Copyright © 2016 GESEFI Genitori Separati e Figli (gesefi.to.it). Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Segui GE.SE.FI. su ...

GESEFI su Facebook   GESEFI su Linked In   GESEFI su Twitter

 

Vol.TO

 

V.S.S.P.

 

Idea Solidale

 

Forum del Volontariato

Sondaggio 1

Perchè l'attuale legge sull'affido condiviso non viene applicata? (fonte crescere insieme)
 

Sondaggio 2

Quale è la frequenza di incontri migliore tra figlio e genitore non domiciliatario? (fonte crescere insieme)